Perchè

Ho comprato la mia prima mountain bike nel 1986, una SCOTT di un viola improponibile, rigorosamente rigida, freni cantilever e corone ovalizzate…

Da allora ad oggi quasi tutte le mie uscite sono iniziate dallo sterrato che da poco dopo la chiesa di Santa Maria in Stelle (precisamente da Contrada Casai) porta a Contrada Maroni, dopo 18 fantastici tornanti tutti su uno sterrato meraviglioso.

Penso di non esagerare dichiarando che questo tratto di strada sia per noi bikers veronesi un vero e proprio patrimonio da salvaguardare, una vera e propria porta di accesso che ci porta subito in quota verso i nostri meravigliosi Monti Lessini con i loro mille sentieri, un paradiso per gli amanti delle ruote grasse!

L’idea di fare un sito dedicato a questa salita mi è venuta un po’ per deformazione professionale, visto che mi occupo di informatica, ed un po’ perché ho sempre paura che qualcuno un giorno magari si inventi, come purtroppo è successo in altri luoghi sulle nostre colline (leggi via Carbonare tra Marzana e le Torricelle) di asfaltare o cementificare questa strada.
Per questo www.piccolostelvio.it vuole essere un sito che celebra la nostra salita e che riunisce in una piccola community quanti amano questi 2 chilometri di gioia, di sudore, di fatica, di chiacchiere, di competizione, di sfide con gli amici o con quello che intravedi in fondo al rettilineo e che sei sicuro che lo andrai a riprendere, tanto vado più forte io….

Il vostro nome e l’indirizzo e-mail saranno trattati nel pieno rispetto delle privacy, ci impegniamo sin d’ora a non divulgare a nessuno per nessun motivo i dati personali degli utenti profilati in questo sito.
Ci permetteremo solo di avvisarvi in caso di eventi speciali strettamente legati al PICCOLO STELVIO (spero di non convocare mai nessuno per opporsi alle ruspe….).

Visto poi che anche per noi amatori ogni uscita è comunque un’impresa, con i miei collaboratori abbiamo pensato di creare uno spazio dove poter inserire i nostri passaggi sulla salita stilando poi una classifica di chi è passato più volte e di chi ha fatto il tempo migliore.

Per entrambi i dati i giudici sarete voi, quindi confidiamo nella vostra onestà di bikers.

Massimo Borghetto